Benvenuti!!

Divertitevi con me!

mercoledì 30 maggio 2012

Le scarpe giuste!


Voglio ricrearvi un'immagine, una sorta di scena tipo che credo ognuno di voi abbia provato almeno una volta.
A colazione da Tiffany (magnifico)
State camminando felicemente lungo una strada della vostra città. Quella strada che più amate, con quei splendidi negozi che molto spesso vi hanno donato grande gioia, con le loro buste capienti. Insomma la vostra via di negozi preferita. Guardate intorno, con un sorriso ebete stampato in faccia, date uno sguardo all'ultima borsa di Louis Vuitton, i nuovi costumi di Yamamay, i jeans di miss sixty, il vestito di Dolce e Gabbana, i pantaloni che alzano il sedere di Liu jo. Vi inebriate di quella miscela particolare di fragranze che si avverte passando davanti ad una profumeria quando, improvvisamente, i vostri occhi cadono lì, proprio su quella vetrina che tanto amate, ed eccole lì: scarpe stupende. All'istante nella vostra mente una frase si formula semplice e concisa “devono essere mie”.
Va bene, avevate deciso niente shopping per oggi. Avevate deciso che per qualche giorno la vostra carta di credito sarebbe rimasta chiusa e protetta nel vostro portafoglio. Per un attimo avevate anche pensato di riporla nel cassetto per essere più sicure, ma quello era stato solo un semplice pensiero formatosi quasi da solo e subito scartato. Avevate deciso di tornare a casa senza buste ma in fondo una bustina sola non può creare problemi. E quelle scarpe poi stanno benissimo con il vestito che vi siete comprate proprio ieri, quindi si può considerare il continuo dello shopping di ieri. Di conseguenza oggi non acquistereste una cosa nuova ma un completamento. Massì, e domani non si acquista per un po', anzi non si esce proprio così il problema è risolto.
Seguendo quella che è per me una regola base “é sempre il momento giusto per un paio di scarpe” entrate nel negozio. Con la speranza nel cuore e con la mano che già prefigura il momento fatato in cui stringerà la busta.
-Salve, vorrei provare il 37 di quelle scarpe in vetrina-
Il commesso vi guarda e vi dà la risposta odiosa, quella che ti lascia l'amaro in bocca, quella che può anche rovinarti una giornata: 
– Mi spiace, mi è rimasto solo il 39!-. 
Le braccia crollano, quasi vorreste piangere, per un secondo maledite il vostro piede che generalmente adorate e iniziate a covare un odio profondo per quel commesso che senza un minimo di tatto vi ha detto che non potete acquistare le scarpe che, improvvisamente, sono diventate quelle dei vostri sogni. Poi un'idea folle si forma nella vostra testa "e se la marca di quelle scarpe avesse delle taglie un po' strane?" Magari calzano così poco che il 39 in realtà corrisponde ad un classico 37, in fondo sono solo due numeri in più. Forse potrebbero essere grandi quel poco che basta per far sì che una soletta risolva il problema. Così in preda a questa folle idea dite al commesso che volete provare ugualmente il 39. Lui vi guarda perplesso, sta per obiettare ma quando vi vede già sedute, con il piede destro nudo e il viso sognante decide di accontentare la folle richiesta di questa sconclusionata cliente, facendo un appunto mentale così che possa scriverlo nel suo bestiario dei clienti.
Faccia perplessa del commesso
Lo vedete tornare con la scatola in mano e vi sembra quasi che scintilli. Vi porge la scarpa. Ignorate la lampante impressione che sia enorme, ve la provate e poi vi alzate in piedi.
Vi guardate allo specchio e vi rivedete bambine, quando indossavate le scarpe di vostra madre e ciabattevate in giro per casa. Decisamente queste scarpe sono troppo grandi per voi, camminarci sarebbe faticoso e chiunque vi vede noterebbe all'istante che non è il vostro numero.
Il piedino della figlia di mia cugina con le scarpe della mamma (chi non l'ha mai fatto?)
A questo punto vi dico cosa faccio io. A malincuore mi tolgo la scarpa, la porgo al commesso che ridacchia sommessamente ed esco dal negozio. Se la scarpa mi piace così tanto da pensarci per tutto il tempo che torno a casa, vado su internet e cerco un luogo dove posso comprare quella perfetta per me. Altrimenti non ci penso più e finisce qui.
Voi invece cosa fate?
Credo che la maggior parte di voi si comporterà come me, rinuncerà alla scarpa nonostante la sua bellezza ma a quanto pare c'è un numero neanche così piccolo di ragazze che scelgono una seconda ipotesi, ossia prendere comunque le scarpe più grandi ed indossarle lo stesso.
L'attrice di Vampire diaries con le scarpe visibilmente più grandi e pure bruttine
Helena Bonham Carter alla prima di Harry Potter mi sembra. Anche qui la scarpa è decisamente più grande.
Sabato scorso sono andata all'inaugurazione di una discoteca ad ostia di cui scriverò un post fra qualche giorno. Guardavo un po' di ragazze intorno a me per scrutare il loro abbigliamento, quando una ragazza ha colpito la mia attenzione per il modo insolito in cui camminava. Ho guardato i suoi piedi e mi sono accorta che indossava una decoltè che sembrava immensa per il suo piedino. Praticamente faceva lo stesso effetto che avrebbe fatto Cenerentola con le scarpe delle sorellastre. Assolutamente scioccata da tale scelta ho iniziato a guardarmi intorno e ne ho viste tantissime di ragazze nella stessa situazione. La camminata è quella tipica da mare, quando si indossano le ciabatte. Ora, è vero che la decoltè è una scarpa un po' infida: se non è fatta più che bene e il piede è un po' irregolare si può incorrere nel problema di “un numero è troppo grande e un altro è troppo stretto”. In questi casi l'ideale è il mezzo numero ma non tutte le marche lo hanno quindi o si desiste o si sceglie tra più stretta e quindi camminare come i fachiri sui carboni ardenti o più lenta e quindi sforzare il polpaccio al massimo per non far scivolare fuori il tallone. Io in questi casi prendo la più stretta e soffro, perché tanto soffrire per le scarpe è un dolce soffrire. Ma non è questa la situazione delle ragazze che vedevo in discoteca, le ragazze in questione avevano scarpe più grandi di un numero se non due. É follia per me. La goccia che ha fatto traboccare il vaso della mia testa (quello che mi dice di scrivere e criticare qualcosa ^.^ ) è stato l'affermazione di una ragazza su un programma televisivo “Se una scarpa mi piace la compro anche se di qualche numero più grande. Non mi importa! Se mi piacciono tanto le compro lo stesso e ci vado in giro, tanto lo fa pure Paris Hilton, quindi lo faccio anch'io.
Il piedino da "Cenerentola"  di Paris Hilton
 Bene, tralasciando la scelta della Hilton come modello di vita e tralasciando anche il fatto che mi sembra assurdo che la Hilton possa fare una cosa simile e non tanto perché gli stilisti le creerebbero senza problemi una qualsiasi scarpa su misura ma perché ho letto che Paris ha tutto tranne un piedino da fata, dovrebbe indossare il 43 e quindi trovare una scarpa che le vada lenta lo credo molto difficile il punto è che razza di discorso è? Se la scarpa mi piace tanto la compro lo stesso? Ma che senso ha? Esistono le misure per questo motivo, quella giusta per te la compri quella che ti va grande no. L'ho sempre considerato un concetto ovvio ma forse non lo è così tanto. Ribadisco per tutte quelle che sono incerte sulla fine della scena che vi ho descritto e lo faccio un po' alla maniera di Totò:
Se la scarpa che vi piace non è del vostro numero desistete,
se la mozzarella non fa la goccia desistete,
se gli occhiali che vi piacciono hanno una gradazione diversa della vostra desistete,
se il vestito che vi piace lo vende Pitran e voi siete a mala pena una 40 desistete,
se il costume che volete comprare è di tre taglie più grandi desistete.

22 commenti:

  1. ahahahah... e io che credevo di essere l'unica!!!
    La scena del negozio che hai descritto, l'ho vissuta migliaia di volte... ma fortunatamente spesso le commesse erano donne che "Comprendevano" le mie richieste insensate di altri numeri che non fossero il mio...
    Dico sempre che ho il piede "adattabile" a seconda della scarpa che mi piace!!! Però giuro che non sono Mai e dico Mai andata in giro con scarpe tanto più grandi da ciabattare...non ce la posso proprio fare piuttosto cammino come un fachiro in scarpe più strette di un numero ,come nel caso delle decoleté che altirmenti si sfilerebbero in maniera odiosa!

    RispondiElimina
  2. Dimenticavo... ci sono dei premi x te sul mio blog! Baci...

    RispondiElimina
  3. Credo di aver fatto un macello ... peggio di te!!! Mi si è cancellato il tuo commento all'ultimo post dei premi :-(
    L'avevo letto tutto comunque...e sicuramente lo istituirò il premo per "Prima e miglior Blogger commentatrice di post"... e ovviamente sarà tuo!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahah siamo fenomenali a quanto pare!!! ^.^ Se vuoi lo riscrivo! ^.^

      Elimina
  4. Io ho questo problema molto spesso...il 36 di alcuni modelli va grande, il 35 stretto! A volte ho ceduto al 35, ma è una tortura...concordo con te...meglio lasciar perdere, anche se a malincuore!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono molto fortunata in questo campo: ho un 37 politico su ogni tipo di scarpa, una volta sola mi è capitato di dover prendere il 36 e mezzo e devo dire che mettere quella scarpa è una "piacevole" tortura. ^.^

      Elimina
  5. bel post complimenti.... ti seguo :)

    se ti va passa a trovarmi su artinvogue.blogspot.it

    RispondiElimina
  6. Beh anche io ho il piede adattabile :D posso soffrire con scarpe strettissime (però ho imparato e mi son comprata un allargascarpe) o se mi son grandi vado di solette, però non sono mai arrivata a ciabattare eh :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, un minimo può capitare ma questi livelli sono folli! Un allargascarpe?? mumble mumble cos'è mai?!

      Elimina
    2. Ecco sono diventata tua follower :) cmq l'allargascarpe è un affare che ho trovato de decathlon, praticamente è in plastica e ha la punta e il tacco a forma di piede ma in mezzo c'è tipo una molla! è utile e soprattutto... costa due euro!!

      Elimina
    3. Grazie! Vado assolutamente alla ricerca di questo affare!! ^.^

      Elimina
  7. La tentazione è forte, ma anche io desisto...magari mi faccio del male e entro in un 38 nonostante abbia un 39
    Don't Call Me Fashion Blogger
    Bloglovin'
    Facebook

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh sì, è una scelta dolorosa ma decisamente migliore. ^.^

      Elimina
  8. hahaha io ti adoro!!! Hai ragione questo post mi piace tantissimo hihih io come te e totò desisto ma ammetto di aver chiesto il numero più piccolo nella speranza che mi entrasse ^_^ sccccccccccc

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ^.^ sono contenta ti piaccia... nei prossimi giorni tirerò fuori un paio di post su questo genere! ^.^ anche io ho chiesto il numero più piccolo, sapendo benissimo che non mi sarebbe entrato.:D

      Elimina
  9. per fortuna l'unica volta che nn ho trovato la mia misura è stato x delle decolletes tacco 12 e suola rossa "ALTRAMAREA", una volta a casa ho fatto delle vaste ricerche per trovare altri rivenditori........risultato........pochi giorni dopo erano mie, quindi capisco benissimo la tua sensazione Vale, ma dalle scarpe viste dalle tue foto credo che nn hai bisogno di sentirti giu quando capitano qst imprevisti........hai gia dei veri gioielli, che sono veramente da invidiare <3

    RispondiElimina
  10. Che fortuna questa domenica mattina... girottolare e scoprire il tuo blog! Mi piace molto il tuo modo di scrivere! Evviva le fashion bloggers... atipiche. Tornerò a trovarti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao smillingschic,
      grazieeee, sono contenta che sei passata, che tornerai e che ti piace il mio blog! ^.^
      :D

      Elimina
  11. love the photos and your blog! Would you like to visit my blog? If you want, we can follow each-other with GoogleFriendConnect and I'm already following :) :) cheers!
    Follow
    thefashiontwice.com
    facebook page
    GIVEAWAY HERE

    RispondiElimina
  12. Ciao! Ti ho scoperta da poco ma già ti adoro! Concordo perfettamente: mai della misura sbagliata!...Anche se provo comunque le scarpe di un numero diverso dal mio, ma è il mio inguaribile ottimismo che mi spinge a pensare che la vita possa riservarmi sorprese ;-)
    Se ne hai voglia passa da me : http://fashionismyroad.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao e grazie del commento, passo da te subito! ^.^

      Elimina